30 agosto 2016

Uova Murine della Badia Grande di Sciacca


Cucina Internazionale:Italia ITALIA







Questo antico dolce siciliano ebbe origine intorno al 1700 nella Badia Grande di Sciacca, dove le suore del monastero lo sperimentarono per sostituire il cannolo,
che durante la stagione estiva non veniva preparato per mancanza di ricotta, prodotto tipicamente invernale. Esistono diverse versioni sulle origini del nome. Dalla similitudine del dolce con il pesce murena, all'attribuzione a chi introdusse in Sicilia il cacao e cioè i Mori, ma sono due le ricette esistenti, una con cacao e l'altra senza. E ho provato a fare quest'ultima versione, trovata in due antichi libri di ricette siciliane.
Ingredienti: x 8 persone 
4
Uova
150
grammi di Mandorle, Siciliane
250
grammi di Zucchero
50
grammi di Burro
500
millilitri di Latte intero
50
grammi di Amido di mais
1
presa di Vaniglia
2
cucchiai da tavola di Arancia candita
2
prese di Cannella, in polvere

Procedimento:
  • Tostare leggermente le mandorle, in un tegame o in forno, e tritarle con un robot da cucina.
  • In una pentola fare sciogliere l'amido con 150 grammi di zucchero, inserendo lentamente e mescolando il latte. Porre sul fuoco la pentola e fare addensare mescolando. Aggiungere alla crema la vaniglia, fare raffreddare e aggiungere la scorza d'arancia candita tagliata a pezzetti.
  • Sbattere le uova con il rimanente zucchero e le mandorle tritate.
  • Fare scaldare sul fuoco una padellina antiaderente, ungere il fondo con il burro e versare un mestolino di uova. Girare la padellina per distribuire uniformente il composto (come si fa per le crepes) , far dorare da ambedue le parti e appoggiare su di un piatto. Procedere così fino ad esaurimento del composto.
  • Disporre al centro di ogni crespella due cucchiaiate di crema, chiudere sulla parte superiore. Spolverizzare con zucchero a velo e cannella e servire.
  • Fonte Qui