28 luglio 2016

Zuppetta di pane, cavolo verza e fonduta


Cucina Internazionale:Italia ITALIA
Terra di valli e foreste dove ci sono ancora sprazzi di natura incontaminata. Come tutte le gastronomie delle zone di montagna,
anche quella della Valle d'Aosta è rustica, semplice ma ricca di gusto. In tre parole? Zuppa, selvaggina e formaggi.

Ingredienti: x 4 persone 
400
grammi di Fonduta di formaggio, fontina
250
grammi di Cavolo verza
160
grammi di Pane, raffermo
50
grammi di Parmigiano Reggiano
40
grammi di Burro, fuso
400
grammi di Coppa o capocollo, al ginepro, 8 fette
200
grammi di Brodo di manzo
1
pizzico di Noce moscata

Procedimento:

  • Sfogliare il cavolo verza e lessarlo in acqua salata. A cottura ultimata, scolare e foderare degli stampini monoporzione con le foglie più belle e le altre tagliarle a julienne.
  • Riempire gli stampini con il pane raffermo tagliato a fettine, alternare al cavolo verza tagliato a julienne. Colmare lo stampino con il brodo, spolverare con noce moscata, il parmigiano e il burro fuso.
  • Cuocere in forno a 170-180°C per una ventina di minuti.
  • Versare la fonduta calda in un piatto fondo, mettere al centro lo stampino di pane e verza. Posare sopra due fettine di coppa al ginepro, rosolare in padella e asciugare con carta assorbente. Servire ben calda.