28 luglio 2016

Minestra di fregola con le arselle


Cucina Internazionale:Italia ITALIA
In Sardegna si trovano paste tradizionali davvero interessanti. Una delle più note è di certo la fregola:
piccoli grumi di pasta di semola di grano duro tostati al forno. Viene utilizzata per la preparazione di minestre, cuocendola ad esempio nel brodo di carne e poi sistemandola in una casseruola di coccio alternando strati di pasta e di pecorino grattugiato. Nella cucina sarda di costa, invece, si trova preparata con il pesce, come nel caso della "fregula cun cocciula" (fregola con arselle), di cui trovate qui la ricetta.

Ingredienti: x 4 persone 
1
chilo di Vongole o fasolari, Arselle
200
grammi di Pasta, fregola sarda a grana media
8
Pomodori secchi
3
cucchiai da tavola di Olio extravergine d'oliva (EVO)
2
Spicchio di aglio
1
cucchiaio da tavola di Prezzemolo
1
presa di Sale
1
pizzico di Pepe nero

Procedimento:

  • Lavo le arselle e le lascio a bagno per qualche ora in acqua salata per farle spurgare. Una mezz’ora prima di preparare la minestra faccio ammollare i pomodori secchi in acqua tiepida.
  • Sgocciolo le arselle, le verso in una casseruola con un bicchiere d’acqua, metto il coperchio e le tengo per qualche minuto sul fuoco vivace fino a quando saranno tutte aperte. Le tiro su con la schiumarola conservando il liquido che si è raccolto sul fondo. Appena tiepide, le sguscio conservandone circa un terzo con il guscio.
  • Preparo un trito sottile con gli spicchi d’aglio e una manciata di prezzemolo. Sgocciolo i pomodori, li strizzo un po’ e li taglio a listarelle. Scaldo l’olio in una casseruola e faccio appassire a fuoco dolce il trito di aglio a prezzemolo. Dopo 2 minuti, aggiungo i pomodori e li faccio insaporire brevemente prima di unire il liquido filtrato e 300 ml circa di acqua calda.
  • Ancora pochi minuti e verso la fregola nella casseruola, mescolo, aggiungo sale (poco) e pepe e faccio cuocere per poco meno di un quarto d’ora, unendo le arselle sgusciate negli ultimi 2 minuti. Dovrò ottenere una minestra semidensa: se necessario aggiungo mezzo mestolo di acqua calda.