19 luglio 2016

Crispelle calabresi alle olive


Cucina Internazionale:Italia ITALIA
In Calabria, mia terra natia, le crispelle, o meglio "crispeddi", vengono preparate nei giorni di festa.
Una ricetta povera ma ricca di gusto dove, tradizione vuole, tutti i commensali si riuniscono per aggiudicarsi la più calda. Vi sono svariati modi per farcirle ed oggi ve le propongo alle olive.

Ingredienti: x 8 persone 
500
grammi di Farina
100
grammi di Lievito madre
300
millilitri di Acqua
1
cucchiaio da tè di Sale
1
cucchiaio da tavola di Olio extravergine d'oliva (EVO)
1
presa di Zucchero
40
Olive verdi
1
litro di Olio di arachidi

Procedimento:


  1. Sciogliete in un ciotola capiente il lievito madre, che dovrà essere rinfrescato da 4 ore, con un terzo dell’acqua e lo zucchero. Lasciate riposare 10 minuti. Trascorso il tempo di riposo, unite la farina e la restante acqua ed iniziate ad impastare. Usate la forza delle braccia per ottenere una bella pastella densa ed elastica. Unite il sale e l’olio EVO e continuate a lavorare l’impasto delle crispelle calabresi. Riponete in forno spento con luce accesa a lievitare l’impasto coperto da un canovaccio per almeno 3 ore. 
  2. Vi accorgerete che l’impasto è lievitato quando in superficie si saranno formate delle bolle. A questo punto in un tegame dai bordi alti preriscaldate l’olio per friggere. Preparate un vassoio coperto da carta assorbente da un lato, un mestolo forato e dall’altro lato l’impasto delle crispelle calabresi ed il cioccolato. Prelevate un pizzico d’impasto e verificate che l’olio sia a temperatura tuffandolo nell’olio. Se frigola è caldo, se va nel fondo attendete ancora. 
  3. Ungete nell'olio 2 cucchiai. Prelevate con un cucchiaio l’impasto, ponete al centro un’oliva e richiudete con un altro po' d’impasto. Fate scivolare la crispella nell'olio e rigiratela spesso mentre frigge. Proseguite con le altre crispelle facendo in modo che nel tegame possiate rigirarle comodamente. Quando saranno belle dorate prelevatele con il mestolo forato e trasferitele nel vassoio con la carta assorbente. Proseguite così fino ad ultimare tutto il composto delle crispelle calabresi. L’ideale per fare questo lavoro al meglio sarebbe essere in due così uno frigge e rigira e l’altro prepara la base.